Tutto (o quasi...) sull'A.C. LEGNANO


L'INNO UFFICIALE DI LEGNANO

 
"mE CAR LEGNAN"
Testo e musica di Ernesto Parini (1909-1993)
Versione suonata dalla Fanfara dei Bersaglieri
Clicca per ascoltare

 

Par tign s 'n pais ca sa rispta

adss sa sa faghi 'na canzum:

a biunda ca la v 'n s a gundulta,

i munumenti, ul mar e 'l panatum.

 

Nm da Legnan gh'm poca roba in vista,

un munumentu sul ca l' un canum,

i tesitr, mecanighi e ciclista,

a gesa da San Magn e peu a stazium...

 

Me car Legnan,

te s n amur,

pais nustran,

lauradur.

Ul nostar ciel

l' pien da fm,

per par nm

l' sempar bl !

 

Sna i campan,

fis'cia i siren;

m, donn, tusann

ta vran ben.

 

Me car Legnan,

te s 'n amur,

pais nustran,

lauradur !

 

Ul frgiu che d'invernu al pica forti,

ul caldu che d'sta 'l ta f crap,

e ttti i caminuni drizzi e storti

ca fman fin da fti sufag.

 

I vigil ca ta fregan quatar ghj,

i paisan ca i vignvan al merc,

l' un bl ricordu a storia di cancj

da a feruvia ch'van sempar sera...

 

 

"Mio caro Legnano"

 

Per sostenere un paese che si rispetti

oggi si usa fame una canzone:

la bionda che va sulla gondoletta,

i monumenti, il mare e il panettone.

 

Noi di Legnano abbiamo poca roba in vista,

un monumento soltanto che una cannonata,

le tessiture, i meccanici e i ciclisti,

la chiesa di San Magno e poi la stazione...

 

Mio caro Legnano,

sei un amore,

paese nostrano,

lavoratore.

Il nostro cielo

pieno di fumo,

per per noi

sempre bello !

 

Suonano le campane,

fischiano le sirene:

uomini, donne e ragazze

ti vogliono bene.

 

Mio caro Legnano,

sei un amore,

paese nostrano

lavoratore !

 

Il freddo che d'inverno picchia forte,

il caldo che d'estate ti fa crepare,

tutte le ciminiere dritte e storte

che fumano fino a farti soffocare.

 

I vigili che ti fregano quattro soldi,

i contadini che venivano al mercato,

un bel ricordo la storia dei cancelli (*)

della ferrovia ch'erano sempre chiusi...

 

Note :

(*) I "cancelli" erano gli sbarramenti mobili posti a protezione dei passaggi a livello della ferrovia.

Erano quattro: i "primi" vicino alla stazione, i "secondi" in Via Vittoria, i "terzi" in Via Pilo ed i "quarti" in Via Montebello".

 

Il Monumento alla Battaglia di Legnano (nel 1903)

 

Piazza Monumento (nel 1934)

 

La Basilica di San Magno

e Palazzo Malinverni (nel 1937)

  

La Basilica di San Magno (nel 1950)

 

La ciminiera dello

Stabilimento De Angeli-Frua (anni '50)

 

Un mulino sul fiume Olona (nel 1902)

 

 (Cartoline collezione Zottino)

 

 


 

TORNA ALLA HOMEPAGE

 

Torna alla homepage


Copyright 2003-2017 by Gianfranco Zottino - Ultimo aggiornamento : domenica 16 luglio 2017 - Tutti i diritti sono riservati.